Novembre 2014 - Architetti StudiOppure

Vai ai contenuti

Menu principale:

Novembre 2014

News

Decreto Sblocca Italia 2014: le novità per l'edilizia


Il Senato ha votato la fiducia sulla legge di conversione del DL Sblocca Italia. Sono state confermate tutte le semplificazioni dello Sblocca Italia.


Tra le altre misure troviamo l'inclusione nell'ambito degli interventi di Manutenzione Straordinaria di quelli consistenti nel frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari: per frazionare o accorpare non serve più il rilascio del Permesso di Costruire ma basterà una Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (CILA) da un tecnico abilitato, con cui attesta, sotto la propria responsabilità, che i lavori sono conformi agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti, nonché che non vi è interessamento delle parti strutturali dell'edificio. La comunicazione contiene, altresì, i dati identificativi dell'impresa alla quale si intende affidare la realizzazione dei lavori ed è valida anche ai fini catastali. È il Comune che la inoltra all'Agenzia del territorio. Prima era l'interessato a comunicare all'agenzia dell'avvenuta variazione.
Se vuoi spostare le pareti o cambiare l'apertura delle porte (sempre che non interessino le strutture) basterà la CILA.
La SCIA (Segnalazione Certificata Inizio Lavori) sarà effettuata per tutti gli interventi più pesanti per i quali  prima era richiesta la DIA.
Quest'ultima , la DIA, rimane in alternativa al PdC .
I tempi  relativi al rilascio del Permesso di Costruire (PdC) saranno raddoppiati solo su decisione del Rup per progetti particolarmente complessi e non più di defoult per comuni con popolazione superiore ai 100.000 abitanti.
Per le varianti al PdC che non incidono sui parametri urbanistici e sulle volumetrie, che non modificano la destinazione d'uso basterà la SCIA. Prima occorreva la DIA.
Basterà la Scia anche per varianti al PdC che non configurino variazioni essenziali.
Queste modifiche tendono a snellire le procedure soprattutto riguardo ai tempi. Per accorpare o frazionare ci volevano minimo 60 giorni ora non più perchè la CILA non richiede tempi .


Roma, 7 Novembre 2014

 
Torna ai contenuti | Torna al menu